curiosità

Morbillo

Negli ultimi giorni, è salita nuovamente la preoccupazione per diversi casi di morbillo in Italia (anche a Bergamo). In Puglia, in particolare, ne sono stati riscontrati 13 “causati” dal contagio da parte di una bambina mai vaccinata. I focolai sono in aumento: oltre 2700 eventi, solo in Italia da inizio d’anno, di cui tre casi …

Ebola

La malattia da virus Ebola, precedentemente conosciuta come febbre emorragica è una malattia degli esseri umani e di altri primati causata dal virus omonimo. I sintomi della malattia iniziano da due giorni a tre settimane dopo aver contratto il virus, con febbre, mal di gola, dolori muscolari e cefalea. A questi primi sintomi fanno in …

La psittacosi

La psittacosi, detta anche ornitosi o malattia del pappagallo, è un’infezione che l’uomo contrae solitamente dagli uccelli, a causa di un batterio chiamato Chlamydia psittaci. Gli uccelli capaci di trasmettere questa malattia infettiva sono: i pappagalli, i pappagallini, i canarini, i passeri, i colombi ecc. Il batterio viene trasmesso tipicamente da volatili, in particolar modo …

Talassemia

Gruppo di forme ereditarie di anemia costituzionale, frequenti nelle popolazioni delle coste mediterranee, caratterizzate da un disordine nella sintesi dell’emoglobina e da un eccesso di ferro libero conseguente alla rottura dei globuli rossi. Anemia Mediterranea, Malattia di Cooley, Beta Talassemia, Talassemia Major e Minor: termini diversi per indicare una grave forma di anemia emolitica che …

Afta epizootica

L’afta epizootica è una malattia virale che colpisce i ruminanti domestici, nonché la specie porcina: buoi, zebù, bufali, capre, pecore, cammelli, bisonti, cervi, suini e cinghiali. Solo eccezionalmente la malattia può trasmettersi al cavallo, mentre può invece colpire l’uomo. Malattia infettiva altamente contagiosa dei ruminanti e suini; prende il nome dalle lesioni ulcerose che lascia …

Botulismo

Il botulismo è una malattia paralizzante causata da una tossina prodotta dal batterio Clostridium botulinum. Questo microrganismo vive nel suolo, e in assenza di ossigeno, produce spore che possono resistere nell’ambiente per un lungo periodo, anche anni. I contadini etichettavano questi terreni come campi maledetti perché: quando il bestiame si nutriva con l’erba maledetta si …