La psittacosi

La psittacosi, detta anche ornitosi o malattia del pappagallo, è un'infezione che l'uomo contrae solitamente dagli uccelli, a causa di un batterio chiamato Chlamydia psittaci. Gli uccelli capaci di trasmettere questa malattia infettiva sono: i pappagalli, i pappagallini, i canarini, i passeri, i colombi ecc.
Il batterio viene trasmesso tipicamente da volatili, in particolar modo pappagalli e canarini, ma il contagio può derivare anche da cani, gatti e pecore. La trasmissione interumana, sebbene rara, anche se possibile.
Nel caso di coinvolgimento polmonare il periodo di incubazione è da uno a tre giorni. Se la malattia coinvolge il reticoloendoteliale splenico ed epatico l’incubazione si può protrarre anche 1-2 settimane. Generalmente i sintomi sono: febbre, dispnea, diarrea, cefalea, tosse e dolori muscolari. Gli organi più colpiti sono: i polmoni, il fegato, il cuore e il sistema nervoso centrale.
L’antibiotico terapia garantisce una buona prognosi. Se non trattata in tempo si può arrivare a morte del 20% dei soggetti colpiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *