Epistassi

Il sangue dal naso o epistassi è un’emorragia interna alle fosse nasali, che, provoca la fuoriuscita di sangue. Queste perdite di sangue possono avvenire per svariati motivi: un trauma provocato da un impatto con un oggetto, il cattivo vizio di infilare le dita nel naso, per fattori interni come capillari deboli o colpi di sole durante l’esposizione al sole durante i periodi più caldi. Per la perdita di sangue dal naso ci sono delle pratiche da seguire, da mettere in atto e altre cose da evitare assolutamente. Per prima cosa: mai mettere la testa all’indietro ma reclinarla in avanti, in modo che il sangue non vada a depositarsi nella gola ma fuoriesca per evitare il vomito. La seconda cosa da fare è tamponare la fuoriuscita di sangue con una compressione delle narici con due dita: indice e pollice per un tempo di 5 minuti. Evitare l’utilizzo del classico cotone da inserire nelle naso perché potrebbe causare la rottura di altri capillari. Comunque, è il caso di consultare un medico se il soggetto si sente debole, se dopo la compressione fuoriesce altro sangue e se il sangue fuoriesce dalla parte interna alla bocca. Per quanto riguarda le cure possibili, per fermare l’emorragia si utilizzano solitamente delle creme localizzate come gli anticoagulanti, oppure degli integratori vitaminici per rafforzare la circolazione interna dei capillari. Il rimedio più efficace rimane l’applicazione locale del  ghiaccio, che grazie al suo effetto vasocostrittivo, favorisce il blocco del sangue dal naso. Altra attività vasocostrittiva la compie il limone, applicarne alcune gocce favorirà l’arresto del sangue. E’ bene rilassarsi per far in modo di riportare la situazione alla normalità magari bevendo delle tisane alla melissa, camomilla e valeriana. Per evitare recidive, l’alimentazione svolge un ruolo importante: assumere abbondante vitamina C, quindi tanta frutta e verdura, alimenti ricchi di vitamina K, che favoriscono la coagulazione. Da evitare alcol e fumo perché indeboliscono i vasi e possono portare a vasodilatazione. Anche l’aria, poco umida, svolge un ruolo negativo per la fuoriuscita di sangue, quindi attenzione ai riscaldamenti dei mesi invernali perché potrebbero seccare troppo l’aria provocando lesioni e infiammazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *